Testo originale (in dialetto)

E anche el tram de Opcina xe nato disgrazià
Vignindo zo de Scorcola ‘na casa el ga ribaltà.
Bona de Dio che jera giorno de lavor,
e drento no ghe jera che el povero frenador!

E come la bora che vien e che va,
i dixi che ‘l mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va,
i dixi che ‘l mondo se ga ribaltà!

E anche el tram de Servola xe nato disgrazià.
Corendo in Galeria in piazza el xe sbrissà.
Drento ghe jera diverso personl
che se ga ribaltado e se ga fato mal!

E come la bora che vien e che va,
i dixi che ‘l mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va,
i dixi che ‘l mondo se ga ribaltà!

Col “due” se va a Servola, col “quatro” in Arsenal,
col “sie” se va a Barcola, col “cinque” in Ospedal
col “uno” in Zimitero, col “sette” alla Stazion,
col “nove” in Manicomio, col “diese” in Canon!

E anche ‘ste mulete tute mate pe’ l’ capèl,
le zerca de compagnarse a qualche bel putel;
ma co le ‘riva a casa se senti un gran bordel,
e pare, mare e fia copa i zimisi col martel!

E come la bora che vien e che va,
i dixi che ‘l mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va,
i dixi che ‘l mondo se ga ribaltà!

L’Italia ga pan bianco, la Francia ga bon vin,
Trieste ga putele, tute carighe de morbin,
carbon ga l’Inghiltera, la Rusia ga cavial
e l’Austria ga capuzi che no se pol magnar!

E come la bora che vien e che va,
i dixi che ‘l mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va,
i dixi che ‘l mondo se ga ribaltà!
——–

TRADUZIONE IN ITALIANO

E anche il tram di Opicina
è nato disgraziato
venendo giù da Scorcola
una casa ha ribaltato
grazie a Dio
era giorno di lavoro
e dentro non c’era
che il povero macchinista.
E come la bora che viene e che va
dicono che il mondo si è ribaltato.
E come la bora che viene e che va
dicono che il mondo si è ribaltato.
L’Italia ha pane bianco,
la Francia ha buon vino,
Trieste ha ragazze
tutte piene di vivacità,
carbone ha l’Inghilterra,
la Russia ha caviale
e l’Austria ha crauti
che non si possono mangiare!
E come la bora…