Testo originale (in dialetto)

i vaj’all’orte a coje li rose,
scontre lu spose e me mett’a parla’.
Me mett’a parla’, me mett’a canda’:
“Senza lu spose l’amor ‘n ze pò fa’!”
Cingue, la bella sei, la sette là là,
senza lu spose l’amor ‘n ze pò fa’!

Ji vaj’all’orte a coje la menducce,
scontre Ruccucce e me mett’a parla’.
Me mett’a parla’, me mett’a canda’:
“Senza Ruccucce l’amor ‘n ze pò fa’!”

Cingue, la bella sei, la sette là là,
senza Ruccucce l’amor ‘n ze pò fa’!
——–

TRADUZIONE IN ITALIANO

Io vado nell’orto a coglier le rose,
incontro lo sposo e mi metto a parlar.
Mi metto a parlar, mi metto a cantar:
“Senza lo sposo l’amor non si può far!”

Cinque, la bella sei, la sette là là,
senza lo sposo l’amor non si può far!

Io vado nell’orto a coglier la mentuccia,
incontro Ricuccio e mi metto a parlar.
Mi metto a parlar, mi metto a cantar:
“senza Ricuccio l’amor non si può far!”

Cinque, la bella sei, la sette là là,
senza Ricuccio l’amor non si può far!